In Groenlandia con Slow Food per raccontare gli effetti del cambiamento climatico sul Pianeta

Sabato 01 Giugno partirò per una nuova avventura: volerò verso il lontano Nord, in Groenlandia, per documentare e raccontare gli effetti del cambiamento climatico sul Pianeta.

Questo viaggio è la realizzazione di un grande sogno, che sto  per vivere grazie a Slow Food, Associazione mi sostiene da tempo come Main partner  in un progetto più ampio: sto parlando di #RunBefore2050 una campagna destinata a tutti noi, che vuole dimostrare l’importanza del gesto individuale nella vita collettiva.

Race Against Time : prima tappa GROENLANDIA

La campagna Runbefore2050
#RunBefore2050 è prima di tutto un’impresa di sostenibilità ambientale: è la data indicata dalle Nazioni Unite come di  non ritorno se non si cambieranno modalità produttive e comportamentali, in termini di crisi ambientali.

L’attenzione all’ambiente va di pari passo a quella per l’alimentazione.
Attraverso questa campagna mi faccio portatore di un messaggio importante di sostenibilità alimentare: durante le mie tappe mi alimenterò sempre su base vegetale senza l’impiego di alimenti animali ed in un’ottica di CarbonFootprint sostenibile.

Il terzo aspetto fondamentale di #RunBefore2050 è la sostenibilità sociale.
La corsa, come spesso vi racconto, è per me un veicolo, un mezzo per trasportare il messaggio di solidarietà verso le popolazioni più svantaggiate.
Anche la tappa in Groenlandia, così come quella che effettuerò a Luglio nel deserto del Gobi, farà sì che ogni km di fatica sia trasformato in un gesto concreto per il Pianeta grazie al Progetto degli Orti in Africa di Slow Food.
Adottando un Orto di Slow Food in Uganda,   permettiamo ai bambini della scuola di Kachwamba e alla comunità di quella zona rurale l’accesso a un cibo adeguato, sostenibile per la natura e l’ambiente.

Perché corro per l’ambiente

Ho quasi da sempre un’idea fissa in testa: se il mondo va così e il nostro Paese non fa eccezione, è per la nostra incapacità di occuparci del luogo comune, il vizio di vedere qualcosa come solo nostro, appena è del nostro vicino non ci riguarda e quindi possiamo andare avanti senza metterla in ordine.
Corriamo tutti il rischio di pensare e agire come se il bene comune fosse una cosa di altri e non ci appartenesse, passandoci sopra ogni volta che possiamo.

I compagni di viaggio

Il mio trascorso scout mi obbliga alla frase “Non esiste buono o cattivo tempo, ma buono o cattivo equipaggiamento”.

Come ogni avventura che si rispetti, i compagni di viaggio sono degli alleati indispensabili alla buona riuscita.
A maggior ragione quando sappiamo di affrontare un terreno difficile con delle temperature proibitive, è importante prepararsi al meglio.

Oggi voglio presentarvi due professionisti che saranno al mio fianco in Groenlandia.
La prima è Felicina Biorci, biologa nutrizionista  con la quale collaboro da diverso tempo e che sta studiando con me un piano nutrizionale adatto e performante a temperature artiche e al tempo stesso sostenibile ed etico sul piano delle materie prime scelte.

Felicina Biorci

Con noi ci sarà anche Stefano Rogliatti, giornalista professionista e filmaker per la Rai, figura indispensabile alla documentazione di quanto da diversi anni accade in Groenlandia: nel 2003 scomparivano ogni anno 111 chilometri cubi di ghiaccio.
Oggi la cifra è cresciuta di quattro volte e si tratta di uno dei terribili effetti del surriscaldamento globale: se continueremo in questa direzione, si rischia un pericoloso innalzamento del livello dei mari e la scomparsa di specie animali e popolazioni viventi.

Le aziende al mio fianco
Last but not least, “Run Before 2050” è una campagna anche per le aziende, che vogliono firmando la campagna impegnarsi a svolgere azioni concrete contro i cambiamenti climatici, ogni giorno, l’azienda è quella che con le sue produzioni rischia di inquinare maggiormente: oggi però si può scegliere.

Esistono in Italia aziende che hanno deciso di seguire una direzione diversa, più sostenibile e rispettosa dell’ambiente attraverso un’attenzione ed un investimento speciale sulla qualità delle materie prime, sul controllo dei processi produttivi, sui messaggi che vengono lanciati ogni attraverso i propri canali di comunicazione.

Ecco i brand che hanno deciso di seguirmi e sostenermi in questa avventura:

Ferrino

Mara dei Boschi – Torino

Garmin

http://www.masters.it/

Dorando

Life Italia

Masseria Olimpo

Riso Gli Aironi

Ledlenser

Pastificio Reale

Finestra sul Cielo

Solgar

Leave a Comment