Cosa mangia un ultrarunner: la mia dieta pre gara a base di prodotti etici e vegetali

La dieta di un’ ultra runner: la mia dieta pre gara a base di prodotti etici e vegetali

Ci siamo, un’altra partenza, un altro viaggio un’altra avventura.

Tra qualche giorno prenderà il via l’ Oman by UTMB: quella che viene definita come una tra le gare più dure e affascinanti del pianeta, alla sua seconda edizione.

Nello specifico, io correrò il percorso da 170 km: qui potete avere un assaggio dell’atmosfera delle varie gare.

L’entusiasmo di partire per l’Oman, paese dove sono già stato tanti anni fa è tantissimo. 

Ogni viaggio parte con la preparazione, oggi viaggio inizia quando si fanno le valigie, ogni gara inizia durante gli allenamenti dei mesi precedenti, ed eccoci qui ancora una volta a fare quelle valigie.

Non vi nascondo che io viaggerei perennemente, la mia vita è un viaggio continuo, passerei il mio tempo così con lo zaino e pronto a correre andare in bici, assaggiare un cibo nuovo, assaporare i gusti nei mercati, conoscere uno chef, passare una notte nel deserto o tra le montagne, questa è la mia vita, e ne sono felice. 

Spesso mi chiedono perché e come la mia vita si divida tra corsa e cibo, e perché oggi dedico così tanto tempo al mondo del del gusto, per me è questa oggi più che mai è una scelta politica, che mi porta a fare cultura attraverso cibi prodotti e produttori, che creano economie, e generano benessere, ma il benessere deve essere interiore, ed essendo noi fatti del cibo che mangiamo il cerchio si chiude. 

Io cerco di raccontare i frutti di un lavoro pulito di chi fa un agricoltura sostenibile, di chi genera economie sostenibili e replicabili. 

Così ho pensato in questo testo di raccontarvi quali sono gli alimenti presenti nella mia dieta quotidiana e i produttori e distributori che scelgo per farne un utilizzo ancora più assiduo e attento utilizzo nei periodi prima di una gara importante. 

In generale grazie al lavoro che svolgo con Felicina Biorci, la mia nutrizionista, ho imparato a suddividere i miei pasti in macronutrienti, quindi carboidrati, proteine, grassi. 

Un alimentazione equilibrata ed adatta a carichi di allenamento e di lavoro come quelli di preparazione ad un ultra sono molto importanti. 

Qui vi avevo già parlato dell’interessante dieta dell’antilocapra: un piano alimentare ideato con Felicina per sostenere il mio carico di allenamento, prevenire le infiammazioni e rispettare le mie scelte alimentari.

Ma andiamo a conoscere i miei alleati quotidiani: coloro che mi hanno 

ANGOLO DEI SAPORI

Qui mi rifornisco di frutta e verdura, Salvatore è un amico, persona eclettica brillante attenta, che ti studia, lui ogni notte sceglie personalmente la frutta e la verdura che vende fresca e trasformata in ricette semplici. Frutta e verdura rappresentano un ingrediente indispensabile nella mia alimentazione, senza mai dimenticare che la frutta ha molto zuccheri quindi è un carboidrato. 

Con Salvatore abbiamo preparato la Marathon des sables nel 2018:
ecco com era andata!

FINESTRA SUL CIELO

Faccio di tutto per scegliere prodotti Biologici, senza zucchero ricchi di proteine. 

Mi piace molto mangiare il Tahnin, una pasta di sesamo ricca di proteine e calcio, coi cui faccio una sorta di emulsione e condisco verdure e non solo, la frutta secca come noci mandorle, i latti vegetali dentro cui almeno una volta giorno sciolgo delle proteine spesso provenienti dalla canapa, in questi giorni sto mangiando e trovando eccezionali quelle di BRN.

PASTIFICIO REALE

Qui Lorenzo passa la vita a studiare e realizzare, il nostro grande rapporto di amicizia è nato grazie alla sua incredibileHEMPASTA, una pasta proteica di altissima qualità dedicata agli sportivi e non solo, a base di semi di canapa e decorticati.

MARA DEI BOSCHI

Qui è il luogo del cioccolato e del caffè, alimenti indispensabili nella dieta di chi fa sport di endurance. Il caffè qui è specialty coffee, ovvero di altissima qualità proveniente solo da micro lotti di cui si conosce esattamente il produttore, come anche per il cioccolato. Anche in questo caso illuminante l’articolo di Felicina:

https://www.felicinabiorci.com/salute/cioccolato-e-effetti-cardiovascolari/

AFFINI

L’idratazione di uno sportivo è indispensabile, affini ha sposato la mia campagna #RUNBEFORE2050 decidendo di eliminare la plastica nei suoi locali, una scelta concreta costosa e impegnativa ma esattamente come le corse che faccio, quando credi in qualcosa vai avanti a tutti i costi.

Davide Pinto animatore di AFFINI è persona che ama lo sport, la salute per lui non ci sono solo i cocktail e la vita notturna, ma i suoi sono locali inclusivi, capaci ci accogliere chiunque qui bere un cocktail senza zucchero senza alcol ma con tanto gusto è qualcosa di normale, e che ci aiuta molto a vivere meglio e più a lungo.

GLI AIRONI

Le persone vengono prima, Michele e Gabriele sono gli instancabili animatori de “Gli Aironi” non un riso qualunque ma un prodotto eccellente. 

Il riso è un ingrediente eccezionale per la vita di uno sportivo, un carboidrato che mangerei in qualsiasi occasione, prima delle gare e quando è possibile anche durante. Ennesimo ingrediente che unisce gastronomia e salute, il risotto può essere una tavolozza da cui dipingere, declinato in ogni modo.

OLIO GANGALUPO

Che dire, chiunque mi conosca sa che all’olio non riesco a rinunciare. Vito Girone è un ragazzo giovane, innamorato del suo lavoro, che ha fatto una scelta di vita importante, tornando in azienda e decidendo di prendersi cura della sua terra, di diventare un ambasciatore del suo olio in giro per il mondo. 

L’olio è un grasso si, ma un grasso che fa molto bene, fa benissimo al nostro corpo.

E adesso che vi ho raccontato un pò di più su cosa scelgo io prima e durante una gara di ultratrail, mi piacerebbe sapere cosa ne pensate e quali sono le vostre preferenze e scelte in fatto alimentare come atleti e sportivi.

Lasciatemi pure un commento qui sotto o sui miei canali, dove vi invito a seguirmi nelle prossime settimane:

Instagram Facebook!

Tutte le immagini di questo articolo sono state scattate da Massimo Pinca.

Leave a Comment